News

Storia: chi ha inventato il VAPING?

23 febbraio 2017

Hon Lik, riconosciuto come il ''padre'' della sigaretta elettronica, nato a settembre nel 1951, nel 2001 iniziò a lavorare ad un dispositivo in grado di fornire nicotina senza il bisogno di fumare sigarette.

Il farmacista cinese brevettò la sua invenzione nel 2003, molti anni prima, nel 1965, Herbert A. Gilbert aveva ottenuto il brevetto di un progetto simile, che, tuttavia, non venne trasposto in un prodotto commerciale, arrestandosi allo stadio prototipale. 




All’epoca, l’invenzione di Lik era notevolmente diversa da ciò a cui siamo abituati adesso. Invece di un componente per riscaldare, utilizzato ora per vaporizzare il liquido e produrre vapore da far inalare all’utente, il design iniziale di Lik utilizzava un componente ultrasonico piezoelettrico. Era più grande e pensate delle sigarette elettroniche a cui siamo abituati adesso, ma è stato un ottimo inizio.

“Nel 2001 stava lavorando alla vaporizzazione tramite ultrasuoni ma le gocce create erano troppo grosse per assomigliare a fumo da tabacco.”  (Questa tecnologia è usata ad esempio in alcuni umidificatori domestici; consiste nel far vibrare un diaframma metallico ad una frequenza ultrasonica in liquido, in modo da creare minuscole gocce che poi, a contatto con l’aria a temperatura ambiente, vanno a formare una sorta di vapore fresco.)

Con il passare dei mesi, l’idea di Lik è stata raffinata, fino a brevettare un dispositivo più pratico con un componente per il riscaldamento in Cina nel 2003.

Nel 2004 le sigarette elettroniche sono state messe sul mercato per la prima volta attraverso la compagnia cinese Ruyan, dove lavorava Hon. Nel 2005, Ruyan iniziò ad esportare sigarette elettroniche fuori dai confini cinesi, e nel 2007 entrò nel mercato statunitense.

Fu un rapido successo. Nel 2014, le vendite globali di sigarette elettroniche toccavano i 5 miliardi di dollari, ed è un numero che si prospetta in costante crescita nei prossimi anni, fino a raggiungere i 15 miliardi di dollari nel 2019. La maggior parte delle vendite deriva dal paese d’origine di Lik, la cina, con gli Stati Uniti al secondo posto in termini di vendite e Giappone, Russia e Germania a completare le prime cinque posizioni.


“Sapevo già che sarebbe stato un prodotto rivoluzionario” Alcuni in Cina l’hanno chiamata la quinta invenzione – dopo la navigazione, la polvere da sparo, la stampa e la carta. Ma è un po’ eccessivo.”

Qual è il suo obiettivo futuro? “La mia passione vera, come molti altri inventori,  è di lasciare un segno nella storia.


mysmoke.it

In vetrina

mysmoke.it

Articoli Consigliati

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni